On the road a Mauritius: l’isola paradisiaca dei pic nic

Se il paradiso assomiglia ad un luogo esistente sulla terra, io me lo immagino come l’isola di Mauritius: i colori e i sapori dell’Africa, i sorrisi genuini e semplici delle sue persone, spiagge che mostrano tutte le tonalitá di blu esistenti in natura, fiori e natura incontaminata. Se a questo aggiungiamo prezzi moderati e sicurezza, vi renderete conto che il paradiso terrestre effettivamente esiste ed é nell’oceano indiano. Qui vi do tutti i retroscena di un on the road a Mauritius nel periodo di Capodanno che vi fará vivere quest’isola paradisiaca e le sue tradizioni al top.

Mauritius e il suo mare

Prima di arrivare a Mauritius non pensavo esistessero cosí tante sfumature di blu. Poi quest’isola me li ha mostrati tutti, incantandomi nelle sue onde. Se come me siete amanti del mare, Mauritius fará al caso vostro per le mille possibilitá di snorkeling che offre, per le sue spiagge bianche e da sogno, per la possibilitá di immersioni o anche solo per una nuotata in un’acqua trasparente. Anche per gli amanti del vento sará una destinazione al top: da giugno a ottobre la stagione del vento permette di godersi surfate in kite o in windsurf sulle coste di Le Morne o Palmar.

On the road a Mauritius
Blue Bay

Mauritius e la sua natura

Chi l’ha detto che Mauritius é solo mare? L’isola é pienissima di verde e sebbene solo il 2% della vegetazione nativa é rimasta sull’isola a causa dello sfruttamento e ai disastri ambientali avvenuti nel tempo per opera delle varie dominazioni europee, vi assicuro che ci sará un sentiero, una foresta o una cascata che fará al caso vostro. Parlando di cascate, non potete andarvene senza averne vista almeno una. Noi ci siamo affidate alla professionalitá di Hiking with Ashwin che ci ha consigliato e accompagnato nel sentiero di trekking delle sette cascate di Tamarin, consigliatissimo ma difficile.

7 cascate di Tamarin

Mauritius e la sua musica

Sapevate che Mauritius ha una musica tradizionale che si chiama Sega? Purtroppo, a causa delle restrizioni covid non siamo riuscite a vedere uno spettacolo dal vivo, ma grazie alle escurisioni e alle chiacchierate con i local siamo riuscite ad avere una buona panoramica sulla musicalitá che quest’isola africana regala. Dalla radio in macchina alle escursioni, scoprirete afrobeat misti a musica tradizionale e non potrete fare a meno di ballare al ritmo dell’isola che vi canta.

Mauritius e i suoi gusti

Che l’Africa fosse piena di gusti, colori e profumi lo sapevo giá, ma che Mauritius fosse un’isola di tante culture che convivono perfettamente mi mancava. Questa condivisione si rispecchia anche nella scelta di piatti che troverai nei ristoranti: da cinese a indiano al thailandese, non smetterete mai di scoprire e soddisfare lo stomaco.

E la tradizione mauriziana? C’é eccome: assaggiate i tipici noodle, approfittate dell’escursione per fare una grgliata ma soprattutto non lasciate l’isola senza aver provato almeno una volta a vivere l’esperienza preferita dei mauriziani: i pic nic! Praticamente tutte le spiagge paradisiache dell’isola hanno una pineta fronte mare che offre il riparo e la base perfetta per un delizioso pic nic. Alcune spiagge, come quella di Flic en Flac hanno anche un sacco di food truck che vi risolveranno anche il problema di portarvi il cibo con voi.

Mauritius e le sue persone

Se dite maurziani, dite accoglienza: i sorrisi caldi che ci hanno dato le persone di quest’isola ci hanno riscaldato il cuore e non li dimenticheremo mai. Tutti sono pronti ad aiutarti, tutti sono pronti a fare un passo di danza al ritmo dell’isola, tutti sanno cos’é la felicitá delle piccole cose, che molto spesso tendiamo a dimenticare. I mauriziani vivono di natura, dei loro picnic, della musica dell’isola, della forza del mare, del cibo, delle varie influenze culturali e sanno anche quant’é importante il turismo. Il mio consiglio é di chiedere ai local tutte le info di cui avete bisogno e di fidarvi completamente e assolutamente: scommettete che riuscirete a scoprire segreti che l’isola custodisce gelosamente?

Mauritius e le prime volte

Per me é stato il primo capodanno fuori casa, il primo giro in catamarano, la prima guida a sinistra, il primo bagno in una cascata, il primo viaggio fuori dall’Europa dopo due anni di Covid. Il mio cuore non poteva che essere sopraffatto da tutte le emozioni che solo le prime volte ti regalano. Io scommetto che anche voi troverete i brividi e l’adrenalina di una prima volta mauriziana, tra tutte le attivitá che offre l’isola. Intanto, mi dite nei commenti quand’é stata l’ultima volta che avete fatto una cosa per la prima volta?

On the road a Mauritius

Informazioni Pratiche

Quanto stare? Come muoversi?

Probabilmente una vita non basterebbe a farvi stancare del paradiso, ma 14 giorni bastano per abituarvi, scoprire e vedere le highlight dell’isola. Se volete godervela al 100%, noleggiate una macchina e vivete Mauritius on the road. Se non ve la sentite di guidare sulla sinistra, molti hotel, appartamenti e resort mettono a disposizione un servizio taxi. Gli appartamenti Arc en Ciel dove abbiamo alloggiato (vedi giú), gestiti da una coppia italo-mauriziana, ci hanno messo a disposizione la macchina e anche il loro nipote Derny che ci ha accompagnato, mostrato i segreti della guida a sinistra e organizzato tutte le escursioni dai vari local.

Restrizioni e requisiti

Non é stato facile, non ve lo nascondo, e fino all’ultimo, tra un imprevisto e l’altro, eravamo indecise sul da farsi perché i testi delle restrizioni non erano chiari. Dovete pensare che sull’aereo che poi non é decollato per un guasto tecnico (potete scoprire le nostre disavventure nelle mie highlight su Instagran), io e mia sorella abbiamo quasi prenotato un hotel perché avevamo paura che stare in un appartamento non rientrasse nel corridoio turistico covid-free imposto dall’Italia. Comunque, dopo mille rassicurazioni del nostro amico che ci ha dato l’appartamento, possiamo dirvi la nostra esperienza e i vari test richiesti.

Le autoritá mauriziane hanno aperto l’isola al turismo sotto delle precise condizioni:

  • Se si alloggia in hotel, é necessario fare un test PCR 72 ore prima dell’ultimo punto di imbarco, uno all’arrivo (che vi verrá fatto una volta arrivati in hotel), uno antigenico dopo 5 giorni (che vi verrá fornito dall’hotel)
  • Se si alloggia in un appartamento, bungalow o simili, é necessario fare un test PCR 72 ore prima dell’ultimo punto di imbarco, uno all’arrivo (che vi verrá fatto stesso in aeroporto dopo il controllo passaporti) e uno antigenico dopo 5 giorni (che dovrete andare a comprare in farmacia).

In entrambi i casi, é necessario:

  • Aver completato il ciclo vaccinale (con l’ultima dose fatta almeno 14 giorni prima della partenza)
  • Compilare un ‘All in one digital travel form’ (che potete trovare a questo link)
  • Fare un’assicurazione di viaggio che copra eventuali spese legate al covid (noi abbiamo fatto HeyMondo e ci siamo trovate super bene, sia a livello di costi sia a livello di coperture)

Per quanto riguarda il ritorno in Italia, é necessario fare un test PCR prima del volo di ritorno ( a seconda dei regolamenti del paese di entrata) e uno all’arrivo in aereoporto (per gli arrivi in Italia). Per il primo vi consiglio di guardare C-Lab, sono stati velocissimi e super professionali ( ma attenzione! perché si paga solo in contanti) e per il secondo vi consiglio di andare direttamente al centro test covid dell’aeroporto di arrivo.

Attenzione peró: questi regolamenti sono quelli in vigore nel momento in cui scrivo (gennaio 2022), quindi vi consiglio di controllare prima della partenza il sito uffciale del turismo mauriziano e la scheda del paese su viaggiare sicuri.

In quanto a restrizioni, c’era la mascherina obbligatoria sia all’aperto sia in luoghi chiusi, e gli assembramenti in spiaggia (i famosi pic nic tanto amati dai local) erano vietati. Niente che ci abbia impedito di goderci Mauritius al massimo comunque.

Cosa fare:

Trovi la mia top 13 qui, ma aggiungerei anche:

  • Comprate un cocco, bevetene il succo e chiedete di tagliarlo per mangiare anche la buonissima e nutriente polpa
  • Al giardino botanico di Pamplemousse, odorate tutte le spezie che vi fará vedere la guida e abbracciate almeno un albero gigante
On the road a Mauritius
  • Mangiate i mine frite (i tipici noodle mauriziani) in almeno due varianti (pesce, carne, mix, veggie, ecc.)
  • Fate una foto super instagrammabile sull’altalena del C Mauritius sulla spiaggia di Palmar
  • Fate una foto ai vostri #HappyFeet in una delle tante spiagge bianche dell’isola (e se la pubblicate, taggatemi (the_smiling_wanderer) su Instagram)
  • Se vi piace la birra, bevete una Phoenix in barca o su una delle paradisiache spiagge, preferibilmente accompagnandola con le banana chips
  • Nel parco naturale di Bras D’eau, chiedete al guardiano o seguite le indicazioni per il pozzo per una vista super
  • Cercate (ma state attenti) i diversi tipi di ricci che esistono a Mauritius (come la varietá pastelli)
  • Cercate di individuare le specie endemiche dell’isola, tra lucertole e uccelli. Quelli bianchi a coda lunga si trovano facilmente all’Ilot Gabriel (e nel logo di air Mauritius)
  • Al parco nazionale di Chamarel, andate a salutare Rosette, Nini, tifam, Toto, Tizean e Toto, le sei tartarughe giganti che vengono direttamente dalle Seychelles
  • Al museo di storia naturale di del parco di Chamarel, imparate la storia della vegetazione mauriziana e di come sia stata distrutta dalle dominazioni europee che hanno vissuto sull’isola
  • Guardate in alto per vedere i batman dell’isola, pipistrelli giganti che sono dappertutto. C’é una variante che é arancione e assomiglia ad un orsetto volante, riuscite a trovarlo?
  • Al tempio Indú di Gran Bassin, fate un’offerta di frutta e fiori ad una delle divinitá del posto e fatevi mettere un braccialetto portafortuna da una delle sacerdotesse
  • Sempre al tempio di Grand Bassin, salutate le scimmiette che vanno in giro a cercare il cibo dalle offerte dei fedeli
On the road a Mauritius
  • Assaggiate almeno un rum aromatizzato e fatto in casa
  • Al mercato di Flacq, perdetevi tra i colori, i profumi e i sapori dell’isola e prendete un souvenir da portare a casa

Gli imperdibili

  • Ile aux Benitiers
  • Ilot Gabriel
  • Giardino botanico di Pamplemousse
  • Ile aux Cervs
  • Distilleria di Chamarel
  • Fabbrica di té di Bois Cherí
On the road a Mauritius
  • Blue Bay
  • Flic en Flac
  • Le 7 cascate di Tamarin
  • Tempio Indú di Grand Bassin
  • Spiagge di Belle Mare e Palmar
  • Il parco nazionale di Chamarel

Dove alloggiare? 

Appartamento Arc en Ciel: Noi abbiamo conosciuto gli splendidi proprietari a Tenerife ed é per questo che non abbiamo dubitato un attimo del posto in cui stare. Se volete vivere le MAuritius da local, allora questo é il posto che fa per voi. A 5 minuti di macchina dalla spiaggia piú bella di Mauritius e a prezzi super competitivi, l’appartamento di Andrea e Carmella era tutto quello di cui avevamo bisogno peril nostro soggiorno: un giardinetto dove goderci cene e aperitivi, ampi spazi, e tanta tanta accoglienza.

Sí, perché pur essendo dall’Italia, sono stati fantastici nel controllare che tutto andasse bene, a darci mille consigli da local, a trasmetterci l’amore che provano per quest’isola paradisiaca e a farci aiutare dalla loro splendida famiglia in loco. é vero che sono amici, ma sono sicura che non sono da meno con gli ospiti che accolgono. In generale, consiglio di preferire un appartamento al resort per vivere l’esperienza da local e quindi comprendere a pieno l’anima dell’isola.

Dove mangiare? 

Season’s, Belle mare: una bellissima scoperta che purtroppo abbiamo fatto solo l’ultimo giorno perché era sempre chiuso. Giardinetto incantevole, menu ricco e super slurp e prezzi local. Da provare (dal primo giorno)

Symon’s , Belle Mare: Se volete provare le influenze della comunitá indiana sul cibo mauriziano, questo é il posto che fa per voi. Noi abbiamo preso curry d’asporto e ci é piaciuto tantissimo

Green Beach Island, Trous D’Eau: Tra i miei preferiti di tutta la vacanza, unisce un servizio top, bella location, tante lucine, bei piatti, tanto sapore mauriziano e prezzi accettabilissimi

Chez Tino, Trous D’Eau: 100% local, buon cibo e porzioni super abbondanti a prezzi mauriziani. In piú, c’é una terrazza vista mare e una serata di musica tradizionale dal vivo il sabato.

On the road a Mauritius

Le Barachois, Poste de Flacq: non é il posto piú economico ed é in un resort, ma mangerete in delle palafitte e a quanto pare ogni tanto passa uno squaletto a saluare gli ospitii. Prenotate in anticipo perché danno la prioritá ai residenti del resort

Lux, Belle Mare: un altro ristorante in resort, ma ci é stato consigliato come uno dei migliori ristoranti di Belle Mare. Se pure il costo non é basso, io una chance gliela darei, voi?

Le Palais de Barbizon, Chamarel: Forse il piú completo tra tutti quelli provati; hanno un prezzo fisso che prevede 5 piattini vegetariani, uno di carne e uno di pesce. Se siete curiosi di provae verdure mai viste cucinate da una dolce signora mauriziana che viene a controllare che tutto sia di vostro gradimento, questo é il posto giusto!

On the road a Mauritius

Roti Aka Vinoda, Flic en Flac: IL posto per eccelenza dove provare il famoso Roti, una sfoglia di pasta che puó essere farcita con agnello, pollo, pesce o vegetariano. Prendetene due a testa!

Attenzione a… 

I prezzi per turisti: purtroppo ci é capitato i primi giorni di pagare (molto) di piú a vari banchetti di cibo e mercatini perché eravamo turiste. Questo ci ha insegnato che si deve contrattare, quindi non abbiate paura di farlo; diventerá quasi divertente.

La guida all’inglese: se volete noleggiare una macchina, ricordate che qui la guida é all’inglese, ovvero al contrario rispetto all’Italia. Non é difficile imparare ma prendetelo in considerazione quando prenotate e, in caso non ve la sentiate, affidatevi a qualcuno che vi possa fare da autista e portare in giro per l’isola (basta chiedere in hotel o all’appartamento che avete prenotato)

Budget

Mauritius non deve essere per forza una meta da ricchi, soprattutto se si predilige un appartamento rispetto al resort (vedi sopra). In totale, io e mia sorella abbiamo speso 1900 euro a testa, ma ecco una lista dei costi rilevanti:

  • Volo Air Mauritius da roma con scalo a Parigi: 990
  • Assicurazione completa (incluse spese mediche legate al covid): Hey Mondo
  • Tampone molecolare fatto in Italia: 60
  • Tampone molecolare fatto da C-Lab a Mauritius: 40 (da pagare in rupie in contanti)
  • Tampone antigenico in farmacia per il quinto giorno: 10
  • Visita alla fabbrica di té di Bois Cheri con degustazione: 200 rupie (4 euro)
  • Visita alla distilleria di rum di Chamarel con degustazione: 400 rupie (8 euro)
  • Visita al giardino botanico di Pamplemousse con guida: 250 rupie (5 euro)
  • Escursione in catamarano all’Ilot Gabriel e al Gunner’s Quoin: 1800 rupie (35 euro)
  • Escursione in catamarano all’Ile aux Cerfs e alla cascata della Grand Rivier Sud Est: 1200 rupie (25 euro)
  • Escursione per vedere i delfini, l’Ile aux Benitiers e la Crystal Rock: 1200 rupie (25 euro)
  • Cena in resort la notte di Capodanno: 80 euro a persona incluso di bevande
  • Trekking di un giorno alle 7 cascate di Tamarin: 35 euro a persona
  • Noleggio auto: 300 euro
  • Appartamento a Poste de Flacq: 500 euro
  • Scheda telefonica con internet illimitato: 300 rupie (circa 7 euro)

Coup de coeur

Le tonalitá di blu che quest’isola mi ha mostrato. Sono tante ed ognuna é incredibile: da amante del mare quale sono, fin dal primo giorno sia gli occhi che il cuore traboccavano di meraviglia per tutta quella bellezza marina. Le mie sfumature preferite sono comunque state quelle di Belle Mare e Palmar.

On the road a Mauritius

Playlist

Sip (Alcohol) di Joeboy e Li Tourner di DJ Assad, tutte nella playlist Spotify di The smiling wanderer travels.

Torno con … 

una bottiglia di rum agricolo, spezie varie, banana chips, bustine di té e tisane e sarei tornata con mille piú meraviglie

On the road a Mauritius

Indirizzi utili: 

Guida pratica su Mauritius con consigli e itinerari

Sito uffciale del turismo mauriziano

Scheda del paese su viaggiare sicuri.

C-Lab per test molecolare covid:

Appartamenti Arc en Ciel Mauritius

Escursione all’Ile aux Benitiers con Crystal Rock e nuotata con i delfini. Dolphin Encounters. Email: flopasbea@hotmail.com . Tel: +230 57560648, +230 59330541

Escursione in catamarano all’Ilot Gabriel e al Gunners’ Quoin o all’Ile aux cerfs. Vava Voom . Email: jodeegadoo@yahoo.com . Tel: +230 5255 0750

Trekking alla scoperta delle cascate. Ashwin Malliah. Facebook: Hiking with Ashwin

Rhumerie di Chamarel. Google Maps. Instagram.

Fabbrica di té di Bois Cheri. Google Maps. Instagram.

Giardino botanico di Pamplemousse. Google Maps.

Season’s, Belle mare. Google Maps.

Symon’s , Belle Mare. Google Maps.

Green Beach Island, Trous D’Eau. Google Maps.

Chez Tino, Trous D’Eau Douce. Google Maps.

Le Barachois, Poste de Flacq. Google Maps.

Lux, Belle Mare. Google Maps. Instagram.

Le Palais de Barbizon, Chamarel. Google Maps.

Roti Aka Vinoda, Flic en Flac. Google Maps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per restare sempre aggiornati sui miei viaggi: