10 posti da vedere assolutamente a Tenerife

Mi sono resa conto che solo un articolo per Tenerife non sarebbe bastato a descrivere tutte le meraviglie che quest’isola mi ha regalato. Eccomi quindi a darvi una lista di 10 posti che dovete assolutamente vedere se capitate a Tenerife!

Playa Montaña Pelada

Bellissima spiaggia sabbiosa con pochi turisti e abbastanza appartata. Un incanto di rocce disegnate dal vento e dal tempo che regalano geometrie e curve che vi lasceranno a bocca aperta. La spiaggia urla la natura vulcanica dell’isola con le sue rocce nere incastonate in pareti giallastre. Divertitevi a scovare i pesciolini tra gli scogli e giocate con le onde sulla sabbia scura.

Playa Amarilla

Spiaggia rocciosa alla base di una roccia gialla, così come dice il nome. Trovate il vostro posto negli incavi della caletta, e tuffatevi nell’acqua super blu con pinne e maschera. Non vi ho ancora convinti? C’è un chiringuito con un divano e una vista sulla spiaggia pazzesca, tappa immancabile dopo una bella nuotata. Attenzione però, le maree a Tenerife cambiano molto e in poco tempo, quindi cercate di non inoltrarvi troppo nelle calette perchè al ritorno potreste non trovare più gli stessi passaggi percorsi all’andata.

Los silos e le piscine di Garachico

Strapiombi sul mare, prodotti tipici e piscine naturali: serve altro? Sugli strapiombi di Los Silos vi confronterete con un’energia incredibile proveniente dal mare (che infatti mi ha ispirato questo mini-racconto); a Garachico, un paesino in pieno stile dell’America Latina, troverete prodotti tipici del nord e piscine naturali in cui fare un bel bagno fresco. La strada per arrivarci inoltre dá su incredibili viste verdi di bananeti che vi farà sentire liberi e pieni di vita. Assolutamente da vedere!

Los Gigantes e La Cueva del Tancon

Proprio come lascia supporre il nome, Los Gigantes sono delle grandi rocce a strapiombo sul mare che mi hanno ricordato tanto le scogliere irlandesi di Moher (ve ne parlo in questo articolo). In entrambi i casi, uno spettacolo naturale da non perdere. Proprio a Los Gigantes, ci sono non solo delle piscine naturali in cui fare il bagno quando il mare è calmo, ma anche un’ affascinante, quanto pericolosa grotta. La Cueva del Tancon è da non perdere per la sua acqua turchese e le sue rocce nere che sembrano scolpite da un artista. Attenzione però: la marea è molto forte, quindi oltre ad andarci in un momento di mare calmo, siate giudiziosi nel decidere se effettivamente è il caso di tuffarsi.

El barranco de l’infierno

Forse uno dei miei posti preferiti, El Barranco de l’Infierno è un percorso di trekking in dodici tappe che finisce con una piccola cascata. Perchè assolutamente da vedere? Perchè avrete modo di osservare la diversità della natura Tinerfenas, passando da strapiombi desertici a radure e stagni umidi e pieni di vita in sole 3 ore, andata e ritorno. Se anche vi terrorizzeranno all’andata dandovi un caschetto per pericolo crolli e facendovi firmare un foglio in cui si tolgono ogni responsabilità su un vostro possibile infortunio, il sentiero è assolutamente fattibile, anche per i bambini.

Montaña Roja

Un’ altra tappa di trekking leggero e immancabile: svegliatevi all’ alba e cercate di arrivarci al sorgere del sole. Vi innamorerete dei colori rossastri che si riflettono nell’acqua e si mischiano con quelli dei raggi del sole che spunta dal mare. Al ritorno, fermatevi per un’energizzante colazione al FlashPoint sul Paseo del Medano.

El Balito

Una piattaforma tra gli scogli che affaccia su un’acqua turchese che invoglia a fare un tuffo: noi l’abbiamo scoperto grazie alla lezione di yoga del Twin Fin Camp, indimenticabile per il rumore del mare che accompagna il flow di cobra, guerrieri e cani a testa in giù. Anche la strada per arrivarci è affascinante, con i suoi edifici abbandonati pieni di graffiti.

El Teide

Il terzo vulcano più grande del mondo vi mozzerà letteralmente il fiato con i suoi 3715 metri. Devo ammettere che in cima la respirazione diventa difficile per l’ alta pressione e io e mia sorella abbiamo sofferto anche un po’ di mal di testa all’inizio. Comunque il panorama merita assolutamente una visita. Avete due opzioni per arrivare su: o prendendo il sentiero di trekking della Montana blanca (più o meno 4 ore e a quanto pare abbastanza impegnativo), o prendendo la Teleferica (35 euro a persona andata e ritorno). Dalla teleferica, ci sono poi altri tre piccoli sentieri: uno al Pico Viejo (bellissimo), uno ad un altro Mirador e un altro per arrivare fino in cima al Teide (per questo però c’è bisogno di un permesso speciale da ottenere con DUE settimane di anticipo, richiedibile a questo link).

La Playa de la Tejita

Una spiaggetta con tanto di chiringuito incantevole al tramonto: con vista sulla Montana Roja, la spiaggetta vi accoglierà con colori rosati perfetti per una foto. Dovete assolutamente provare il cheviche del chiringuito, ovviamente accompagnato da una cana o una jarra fresca.

El Medano

Se mi seguite su Instagram, avrete capito il mio amore sconfinato per questo posto. Se andate a Tenerife, è la base perfetta, perchè non ci sono palazzoni turistici che hanno iniziato (ahimè) a invadere certe parti dell’ isola, è pieno di posti dove mangiare che affacciano sul mare, e con la Montana Roja a chiudere il golfo, i tramonti sono sempre spettacolari. Domate il forte vento prendendo lezioni di kite o windsurf e riprendete le energie con una bella birra al Manfred’s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per restare sempre aggiornati sui miei viaggi: