Belgrado: una città da scoprire oltre le apparenze

Se Belgrado mi ha insegnato qualcosa è proprio che l’apparenza inganna. Dietro strade e palazzi fatiscenti, si nascondono facciate eleganti e vibranti scene hipster. Come scoprirli tutti? Te lo dico con una guida ad una città da scoprire oltre le apparenze.

Belgrado: weekend low-cost dove l'apparenza inganna

Belgrado oltre le apparenze

Palazzi che sembrano cadere a pezzi, strade che hanno chiaramente bisogno di luci, accessi di dubbia sicurezza che fanno pensare a scenari da film dell’orrore. E invece, ogni strada che sembra pericolosa, ogni palazzo fatiscente porta in realtà a posti tutti da scoprire. Dal quartiere della Docker Brewery pieno di bar e birrifici tutti nuovi, fino a Cetinjska, un ex birrificio riadattato per ospitare la vita notturna più vibrante della capitale, vi ritroverete a confermare il detto secondo cui l’apparenza inganna.

Il tempio di San Sava è un altro esempio: un edificio bianco al di fuori e un’esplosione di luci dorate al suo interno che vi farà brillare gli occhi. Non dimenticate di visitare il piano inferiore: vi ritroverete davanti alla cripta più luminosa della vostra vita.

Un’ altra cosa che mi ha colpito è che questo stesso discorso può essere applicato anche ai suoi abitanti. Se mi aspettavo (come in Montenegro), un’accoglienza più fredda, ho trovato invece sorrisi sinceri e tanta tanta voglia di aiutare la persona alla scoperta di una città poco considerata.

Ma adesso veniamo al pratico e vediamo come scoprire tutte le meraviglie nascoste della capitale 😀

Informazioni pratiche

Highlights

  • Kemelgdan
  • Cetinjska
  • Quartiere di Dorcol
  • Docker e surroundings
  • Il lungo Danubio con i suoi spavlovi (i locali galleggianti)
  • Cattedrale di Belgrado
  • Tempio di San Sava
Belgrado: weekend low-cost dove l'apparenza inganna
  • Museo di Nicola Tesla
  • Belgrade Design District
  • Hotel Moska
Belgrado: weekend low-cost dove l'apparenza inganna
  • Museo di arte contemporanea

Tutte le info che mi avrebbe fatto comodo sapere prima di partire

  • Non c’è bisogno di visto per permanenze di meno di 90 giorni e si può accedere anche con la carta d’identità. é preferibile comunque il passaporto perchè vi permetterà di evitare file più lunghe.
  • Ricordatevi che la moneta in corso è il dinaro serbo: un euro saranno circa 120 RSD. Consiglio di prelevarne un po’ agli ATM (anche se vi verrà applicata una commissione) o arrivare con tanto cash (in euro) da cambiare nei mille uffici di cambio che troverete per le strade.
  • Per quanto riguarda i dati mobili, le tariffe italiane non valgono in Serbia. Se state per più di un weekend lungo, conviene prendere una sim locale, altrimenti io ho provato per la prima volta la sim virtuale di Airalo: 3 giga a meno di 10 dollari, un affare!
  • Per spostarsi dall’aeroporto alla città avete due opzioni: il taxi (circa 20 euro, da chiamare ai banchetti prima di uscire dall’aeroporto per non essere imbrogliati sul prezzo) e una navetta ( a circa 5 euro), che sembra un minibus privato.

Quanto stare e come spostarsi

Belgrado: una città da scoprire oltre le apparenze

Un weekend sarà più che abbastanza per vedere Belgrado. Per scoprire la vita fuori dalla capitale invece, aggiungete uno o due giorni.

A Belgrado, potete spostarvi a piedi e perdervi tra i suoi quartieri. Per spostarvi fuori da Belgrado, consiglio i tour di GetYourGuide o la macchina.

Dove mangiare

  • Kafana Srpska: musica dal vivo e piatti tradizionali a prezzi contenuti. Un posto che vi farà assaporare l’anima più tradizionale della capitale serba.
Belgrado: una città da scoprire oltre le apparenze
  • Docker brewery: un birrificio in cui divertirsi a scegliere tra mille tipi di birre diverse. Prenotate se pianificate di fare un salto durante il weekend, anche se, in generale, tutta l’area circostante, nuova e molto industrial è piena di posticini interessanti da scoprire.
  • Kafana ‘?’ Znak Pitanja (Punto interrogativo): solo il nome merita una visita. A quanto pare, non ci si è mai decisi su come chiamarla e si è per questo deciso di lasciare un semplice punto interrogativo. Sul marketing vince sicuro, sulla posizione, essendo vicino alla cattedrale, pure, e posso assicurarvi che anche sul cibo, con le sue enormi porzioni a prezzi abbordabilissimi, riesce a conquistarti in pieno.
Belgrado: una città da scoprire oltre le apparenze
  • Boho bar: purtroppo saltato visto che di domenica pomeriggio era chiuso, lascio a voi la curiosità di scoprire i suoi cuscini colorati e la sua atmosfera etnochic nel pieno del parco di Kemelgdan.
  • Cetinjska e Skadarska: non ho avuto modo di provare nessun posto neanche qui perché i due giorni non avevano abbastanza pasti. Basterà però una camminata per capire che sono posti da provare, anche solo per uno spuntino, giusto per sentire l’anima più hipster di Belgrado.
  • Pekara Trpkovic: Il burek (tradizionale pasta sfoglia ripiena) più buono del weekend, a prezzi irrisori (circa 1 euro per una fetta enorme che vi sazierà abbondantemente). Da provare per un pasto veloce ed economico, senza rinunciare al gusto.
Belgrado: una città da scoprire oltre le apparenze

Dove dormire

Hotel City Savoy: servizio impeccabile con spa gratuita. Hanno anche delle camere molto piccole a prezzi decisamente abbordabili per un quattro stelle. Data un’occhiata alle offerte su booking, approfittatene e non ve ne pentirete.

Belgrado: weekend low-cost dove l'apparenza inganna

Budget

La Serbia è un paese in generale molto economico, quindi una meta perfetta per un weekend low-cost. Il mio è venuto circa 350 euro.

C’è da dire che i miei voli hanno direzioni un po’ strane perchè ho dovuto combinare il weekend con dei viaggi di lavoro. Per quanto riguarda il transfer dall’aeroporto, ho deciso di pagare di più e prendere quello dell’hotel perchè il mio volo arrivava dopo le 22 e quindi ho preferito essere sicura di non essere lasciata a piedi in aeroporto o essere fregata da qualche taxi. Last but not least, per l’hotel ho deciso di coccolarmi perchè ho trovato una super offerta con booking per un 4 stelle con spa, ma si possono trovare tanti altri posti a prezzi molto più economici. Ecco i miei costi:

  • Volo Milano Malpensa – Belgrado con AirSerbia: 64.54 EUR
  • Volo Belgrado – Bucarest con AirSerbia: 50.68 EUR
  • Hotel City Savoy al centro di Belgrado per una singola per due notti con SPA e colazione inclusa: 178,47 EUR
  • Transfer prenotato tramite hotel dall’aeroporto di Belgrado al centro: 40 EUR
  • Costo medio giornaliero dei pasti: 15 EUR

Attenzione a…

Il quantitativo di alcool che vi verrà offerto: balcani e persone accoglienti vogliono dire che molto probabilmente vi verrà offerto dell’alcool (forte) a cui sembrerà brutto dire di no. Fatelo se non volete ritrovarvi a tornare in albergo a gattoni 😉

Coup de coeur

Belgrade Design District: Forse perchè trovato per caso, forse perchè rappresenta un’opportunità per supportare realtà locali, il Belgrade Design District è stato il mio amore a prima vista per la grande scelta di negozi local con materiali tutti made in Serbia e fatti a mano. Verrete accolti da un dedalo di viuzze fatiscenti, che nasconde invece (cvsd), una galleria di negozi vintage e scelte local e sostenibili sia per l’ambiente e sia per il portafogli.

Belgrado: weekend low-cost dove l'apparenza inganna

Solo traveller friendly?

Sì, ma esercitate la dovuta precauzione quando vi verrà offerto dell’alcool 😊

Indirizzi utili

Viaggiare sicuri

Hotel City Savoy. Booking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per restare sempre aggiornati sui miei viaggi: